Dr. Sergio Formentelli
GNATOLOGIA

GNATOLOGIA

IMPLANTOLOGIA

IMPLANTOLOGIA

ORTODONZIA

ORTODONZIA

ORTODONZIA

GRINDCARE

uno

ALTRI ARGOMENTI

Dr. Sergio Formentelli

Decalogo per riconoscere una protesi di qualità


L'Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica ha presentato alla stampa un decalogo per guidare il paziente a capire se la prestazione protesica ricevuta è di qualità o meno.

Le prestazioni a basso costo spesso vogliono dire  bassa qualità, a volte veramente infima.

Purtroppo spesso si da per scontato che il professionista curi al meglio delle proprie possibilità, ma troppo spesso non è così.

Il lato economico gioca un peso determinante nello scegliere il dentista a cui addifarsi per la propria salute orale.

Troppe persone si rivolgono all'estero per farsi curare, ricevendo troppo spesso cure di qualità scadente.

Troppe persone si rivolgono a centri low-cost in Italia, a catene di dentierifici in franchising.

La pubblicità è martellante: "denti belli qui", "i migliori professionisti la", eccetera eccetera.

Sono centri in cui, quando entri, il general manager ti fa la radiografia al portafoglio (è molto bravo e addestrato in questo), e quando esci hai il preventivo e il foglio per fare il finanziamento.

Se firmi sei in trappola: la finanziaria comincia a prelevare i soldi prima che tu abbia iniziato, e se ti accorgi che le prestazioni fanno schifo, il contratto è firmato e devi finire.

E si chiude il cerchio: ti hanno fregato e spennato.

 

Per cercare di guidare gli italiani nel capire se la corona che è stata cementata sia stata realizzata correttamente l'Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica ha stilato un decalogo.

"Esistono procedure complesse per la produzione a regola d'arte di un prototipo, ad esempio una corona protesica in porcellana", ha dichiarato il presidente AIOP Leonello Biscaro durante la conferenza stampa di presentazione. "Vi sono passaggi clinici e tecnici, attrezzature e competenze specifiche, spesso sconosciute alla popolazione."

"Poi ci sono le regole legate al buon senso", hanno ricordato gli accademici di AIOP.
"I pazienti devono, infatti, prestare particolare attenzione ai tempi: gli interventi, specialmente quelli più complessi, richiedono diversi passaggi, nel rispetto dei cosiddetti tempi biologici dei tessuti su cui si opera e delle caratteristiche dei materiali."

"Anche pulizia, ordine e sterilità dello studio, elementi imprescindibili per l'esecuzione di interventi a regola d'arte, possono aiutare il paziente a farsi un'idea di come il professionista approcci il lavoro."


Nel file pdf a destra il decalogo completo.



File allegati



  • decalogo per una protesi di qualità